UIMEC UIL - Unione Italiana Mezzadri e Coltivatori Diretti

Newsletter Paolo De Castro n. 23

16/01/2014

DALL'EUROPA PRESIDENZA GRECA UE: QUALITÀ E ORGANIZZAZIONE PER IL FUTURO DELL'AGRICOLTURA. 2014 ANNO MEDITERRANEO Si è tenuta giovedì 9 gennaio ad Atene la cerimonia per la registrazione del centesimo prodotto Igp greco. Durante la manifestazione, alla quale ha partecipato Paolo De Castro insieme al ministro all'Agricoltura greco Athanasios Tsaftaris e al commissario Ue all'Agricoltura Dacian Ciolos, il presidente Comagri ha sottolineato come quello caratterizzato dalla qualità sia l'unico futuro immaginabile per l'agricoltura europea. Il concetto di qualità, se inteso nel senso di 'differenza', rappresenta infatti la storia e la natura stessa dell'agricoltura comunitaria: molti territori, diverse tradizioni e vocazioni e migliaia di alimenti e prodotti agricoli. Ma il patrimonio alimentare europeo, straordinariamente ricco per caratteristiche distintive e territoriali, può essere sfruttato appieno solo se valorizzato con adeguati interventi organizzativi e strutturali. Nel corso del suo intervento, il presidente Comagri ha poi annunciato l'agenda di Bruxelles che vedrà, nei prossimi mesi, il Parlamento, e in particolare la Commissione Agricoltura, vigilare sulla stesura degli atti delegati applicativi della politica agricola comune affinché sia rispettato l'accordo politico che Consiglio e Parlamento hanno raggiunto lo scorso anno. Inoltre, sarà discussa la proposta della Commissione Ue relativa al regolamento sulla commercializzazione delle sementi e delle piante da propagazione, proposta ricevuta con profondo malessere dalla Comagri del Parlamento europeo, che ha presentato oltre 1.000 emendamenti tra i quali spicca anche la richiesta di rigetto totale. Gli ultimi mesi di legislatura saranno dunque fondamentali per l'agricoltura europea dei prossimi anni, periodo in cui proprio i paesi mediterranei giocheranno un ruolo fondamentale con la Presidenza dell'Unione affidata, per il 2014, prima alla Grecia e poi all'Italia. FRODI ALIMENTARI: IL PARLAMENTO EUROPEO ACCELERA SU ETICHETTA DI ORIGINE Martedì 14 gennaio, il Parlamento europeo, riunito in sessione plenaria a Strasburgo, ha approvato il rapporto di iniziativa "sulla crisi alimentare, le frodi nella catena alimentare e il loro controllo". Nella risoluzione il Pe ha ribadito che l'obbligo relativo a un'etichettatura chiara ed esaustiva sull'origine è essenziale e può contribuire a contrastare le frodi promuovendo una maggiore trasparenza lungo la catena di approvvigionamento alimentare. Un'altra delle richieste avanzate alla Commissione Ue riguarda la definizione di proposte legislative su un'etichetta di "commercializzazione locale e vendita diretta" al fine di contribuire alla promozione dei mercati interessati e aiutare gli agricoltori ad apportare valore aggiunto ai loro prodotti. Sul versante dell'informazione al consumatore, è stato chiesto che i dati relativi ai prodotti e ai produttori che violano la legislazione europea in materia alimentare vengano resi disponibili il più tempestivamente possibile e che venga agevolata la condivisione di questi stessi dati tra le autorità competenti e le forze di polizia sia a livello nazionale che comunitario. La risoluzione approvata, partendo dalla richiesta di una definizione comune, chiara e giuridicamente valida di frode alimentare all'interno dell'Unione, chiede anche un maggiore impegno da parte degli Stati membri nel mettere a disposizione risorse adeguate per i controlli e sollecita sanzioni più pesanti per i casi accertati di frode. Commentando il testo del rapporto di iniziativa, Paolo De Castro ha sottolineato come i casi di frode alimentare registrati nel corso degli anni abbiano minato in maniera profonda la fiducia dei consumatori europei, fiducia che deve essere garantita con misure sempre più puntuali di tutela e corretta informazione. Con la risoluzione votata martedì, il Parlamento prosegue dunque la sua battaglia per una sempre maggiore attenzione alla qualità dei prodotti alimentari e alla trasparenza dell'informazione al consumatore. RIUNIONE STRAORDINARIA COMMISSIONE AGRICOLTURA PE SU ATTI DELEGATI RIFORMA PAC La Commissione Agricoltura del Parlamento europeo, in una seduta straordinaria tenutasi lo scorso lunedì 13 gennaio, ha discusso degli atti delegati applicativi relativi alla riforma della politica agricola comune con i rappresentanti della Commissione europea. A conclusione dell'incontro, Paolo De Castro ha comunicato che rimane ancora distanza tra le proposte della Commissione e ciò che il Parlamento è in grado di accettare. Saranno necessari ulteriori confronti per garantire il risultato di qualità per il quale la Comagri ha lottato tanto a lungo, eliminando le residue divergenze e chiarendo alcuni punti fondamentali. Il presidente Comagri confida che il prossimo incontro possa preparare la strada alla versione finale rivista degli atti delegati che il Parlamento attende per l'inizio di marzo. Se la Commissione europea si mostrerà disposta ad ascoltare ciò che gli europarlamentari avranno da dire, anche l'ultimo tassello della riforma della Pac potrà quindi essere messo al suo posto nell'interesse dei cittadini e degli agricoltori europei. DALL'ITALIA GLI APPUNTAMENTI DELLA SETTIMANA Venerdì 17 gennaio, ore 10.00, alla Sede dell'Accademia dei Georgofili di Firenze, Paolo De Castro terrà la lettura "Dopo la riforma della PAC, l'Agricoltura sarà al centro della ripresa?". Sabato 18 gennaio, alle ore 15.30, il presidente Comagri interverrà al convegno organizzato dal Comune di Solarolo (Ra) "I nuovi orizzonti della politica agricola comunitaria" in occasione della Sagra della Polenta, Bisò e Sabadò. Martedì 21 gennaio, Paolo De Castro parteciperà a Bologna al convegno ACI - Alleanza delle Cooperative Italiane "Dal seme al cibo: il valore aggiunto della cooperazione" (ore 14.30, Sala A - Terza Torre, Regione Emilia-Romagna). Mercoledì 22 gennaio, De Castro sarà ospite del convegno Agrinsieme che si terrà a Granarolo (Bo) alle ore 10.00 (Sala Progeo). Alle 17.30 parteciperà a un incontro con il mondo agricolo organizzato alla Fiera di Cremona

Visualizza il documento    |    Torna all'elenco degli Approfondimenti in Archivio

Tessera della UIL UNIPOL Assicurazioni